Come realizzarsi nella vita: Schema pratico

By
Advertisement
Una delle cose che noi essere umani vogliamo è realizzarci. Essere qualcuno ed essere riconosciuti dagli altri. Riuscire a perseguire uno scopo nella nostra vita. È possibile realizzarsi nella vita. È solo questione di sapersi porre degli obiettivi utilizzando buone abitudini. Se hai l'abitudine di passare tutte le sere al bar con gli amici, allora forse non sei fatto per avere una vita piena di prosperità. Tu puoi agire solo in questo momento. Nessuno può agire al posto tuo. In base al tuo modo di agire ci saranno delle conseguenze. Se te ne stai tranquillo tranquillo in un pub, fidati che non ti potrà accadere nulla di miracoloso. Se invece pensi in che direzione andare nella tua vita, allora sarai già al 50% del tuo percorso. L'importante non è il traguardo, l'importante è cominciare.

Detto questo, Italo Pentimalli (uno dei più grandi esperti di motivazione in Italia) è riuscito a stendere uno schema fatto da 5 punti che possono riassumere le fasi del tuo cambiamento. Partiamo dal primo passo.

Obiettivo chiaro

Nella prima fase devi decidere un obiettivo ben specifico. Non funzionano gli obiettivi generali come "voglio essere felice", "voglio essere potente", "voglio essere ricco". Tutte queste cose non funzionano. Sai invece cosa funziona? "Voglio vivere nella mia casa dei sogni di 250 metri quadri, con doppi servizi, autorimessa con dentro una Bmw serie 1 e una moglie bionda, bellissima e di nome Chiara".

Più il tuo obiettivo è completo e specifico, più ci sono probabilità che tu riesca a conseguirlo. "Essere felici non è un obiettivo". Non esiste. Come si acquista la felicità? Boh! E chi lo sa? Se lo sapessimo saremmo tutte persone felici e prive di problemi, non trovi?

Perciò quando pensi e immagini te adesso (non devi pensare a te in un futuro. Il futuro deriva da ciò che fai ora), devi farlo nel modo più dettagliato possibile. Non pensare mai al futuro. Il futuro esiste solo per quelle persone che vogliono rimandare le cose. Pensa, alcune persone sono proprio specializzate nel farlo.

Obiettivo in tono positivo

Una delle parole più dannose che noi utilizziamo sempre, anche a livello inconscio è il non. La parola "non" ha la funzione di negare. Questa funzione è chiara a tutti tranne che per il nostro cervello. La frase "Tu sei stupido!" e la frase "Tu non sei stupido!", vengono interpretate dal nostro cervello allo stesso modo. 

Che tu affermi una cosa o che tu la neghi, ottieni lo stesso risultato. Per questo non bisogna mai dire ad un bambino "tu non sei brutto" oppure "tu non sei grasso". Bisogna sempre formulare le frasi in senso positivo, del tipo: "tu sei un bel ragazzo" oppure "tu stai bene di costituzione. Forse dovresti solo perdere qualche chilo".

Lo stesso principio funziona per la formulazione del tuo obiettivo. Non deve essere "io non voglio essere povero" o cose del genere. Deve essere assolutamente positivo come: "Io voglio diventare il responsabile dell'azienda informatica del mio paese". Questi sono veri obiettivi.

Misurabile

Gli obiettivi, per essere validi, devono essere misurabili. Vuol dire che devi sapere quanto dista da te la prossima tappa. Se stai percorrendo una maratona sarebbe utile sapere quanti km ti mancano al traguardo, o meglio ancora alla prossima tappa. Se stai facendo una dieta, sarebbe bello sapere quanti kg vuoi perdere, in quanto tempo e quanti kg hai perso fino ad ora. Io ho perso 16 kg solo grazie alla forza di volontà e alla misurazione degli obiettivi/risultati.

Un obiettivo non misurabile non è tangibile. Come tale perde di efficacia. Tu devi essere nel tunnel, ma da quel tunnel devi sempre intravedere uno spiraglio di luce. Quella luce è il tuo obiettivo.

Obiettivi intermedi

Se per arrivare al tuo obiettivo c'è tanta strada da percorrere, allora puoi suddividere l'obiettivo in tappe intermedie. Fissa un obiettivo come "voglio guadagnare 100.000 euro quest'anno" non è misurabile perché 365 giorni sono troppi. Ma un obiettivo come "Voglio guadagnare 800 euro questa settimana" è già molto meglio. Hai 7 giorni a disposizione per fare 800 euro. Non 365 per farne 100.000. 

Pensa a quando fai quei lunghissimi tratti d'autostrada in cui guidi per ore ed ore e ti sembra di non arrivare mai? Ti svelo un trucco per far passare meglio il viaggio. Pensa a delle tappe intermedie. Ti aiuteranno a raggiungere maggiori traguardi e quindi saranno fondamentali per la tua motivazione.

Se hai bisogno di motivazione allora parti da qui.